Dismissione Treni

Dismissione Treni

FRANCESCO D’UVA ATTO CAMERA INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/07753 Dati di presentazione dell’atto Legislatura: 17 Seduta di annuncio: 372 del 05/02/2015 Firmatari Primo firmatario: D‘UVA FRANCESCO Gruppo: MOVIMENTO 5 STELLE Data firma: 02/02/2015 Elenco dei co-firmatari dell’atto Nominativo co-firmatario Gruppo Data firma LOREFICE MARIALUCIA MOVIMENTO 5 STELLE 02/02/2015 Destinatari Ministero destinatario: MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI delegato in data 02/02/2015 Stato iter: IN CORSO Atto CameraInterrogazione a risposta scritta 4-07753 presentato da D‘UVA Francesco testo di Giovedì 5 febbraio 2015, seduta n. 372 D’UVA e LOREFICE. — Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. — Per sapere – premesso che: la Determinazione n. 71/2014, così come rilasciata dalla Corte dei conti, concernente la «Determinazione e relazione della Sezione del controllo sugli enti sui risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria delle Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A.», stabilisce che l’assetto organizzativo societario del Gruppo «Ferrovie dello Stato Italiane» è quello di un gruppo industriale, con Holding Capogruppo la «Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A.»; le azioni della Società Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., così come definito dalla Determinazione n. 71/2014, appartengono, a oggi, interamente allo Stato per il tramite del socio unico Ministero dell’economia e delle finanze; oggetto sociale di Ferrovie dello Stato Italiane è la realizzazione e la gestione di reti di infrastruttura per il trasporto ferroviario, lo svolgimento dell’attività di trasporto, prevalentemente su rotaia, di merci e di persone, ivi compresa la promozione, l’attuazione e la gestione di iniziative e servizi nel campo dei trasporti; Rete Ferroviaria Italiana è stata costituita il 1o luglio 2001 come Società dell’Infrastruttura del...
La Notte Dell’Onestà

La Notte Dell’Onestà

COPERTINA FACEBOOK #nottedellonestà TWITTER #nottedellonestà VOLANTINI NOTTE DELL’ONESTA’ #nottedellonestà Download (PDF, 501KB) Download (PDF, 993KB) Condividi:TweetE-mailPocketCondividi su...
Conflitto d’Interessi

Conflitto d’Interessi

La scheda del movimento 5 stelle sul conflitto d’interessi Condividi:TweetE-mailPocketCondividi su...
Reddito di Cittadinanza

Reddito di Cittadinanza

Reddito di Cittadinanza del M5S from MoVimento 5 Stelle Oggi è una giornata importante per il M5S: in Commissione Lavoro al Senato comincia finalmente la discussione della nostra proposta di legge per l’introduzione del reddito di cittadinanza. È una vittoria di tutti noi, che dall’inizio della legislatura non abbiamo mai smesso di credere che fosse possibile portare in Parlamento un provvedimento che per gli altri è solo utopia. Per noi, invece, il reddito di cittadinanza oggi comincia ad essere a portata di mano. Iniziamo così a colmare il vergognoso gap del nostro Paese: il reddito di cittadinanza, infatti, è presente in tutti i Paesi d’Europa, fatta eccezione per la Grecia, l’Ungheria e appunto l’Italia. Il reddito di cittadinanza è una misura che tutela e restituisce dignità ai cittadini più deboli: è destinato ai disoccupati e a coloro che percepiscono un reddito di lavoro o una pensione inferiori alla soglia di povertà. L’importo massimo è di 780 euro mensili a persona (9.360 euro l’anno), che variano a seconda del reddito che già si percepisce e a seconda dei componenti del nucleo familiare. La platea che potrà usufruirne ammonta a circa 9 milioni di italiani. Ma l’integrazione del reddito non sarà fine a se stessa. Accanto a questa, infatti, prevediamo misure per l’inserimento nel mondo del lavoro e nella società, attraverso specifici percorsi di orientamento, di formazione professionale e di accompagnamento che aiuteranno i disoccupati a rientrare nel mondo del lavoro. Finanziare il reddito costa quasi 17 miliardi di euro, che si possono finanziare con l’aumento della tassazione dei giochi d’azzardo, l’aumento delle tasse alle grandi imprese del petrolio e del...
Jobs Act

Jobs Act

#schiavimai #jobsact Jobs Act – Versione Breve LICENZIAMENTI E ART. 18 – CONTROLLO A DISTANZA – DEMANSIONAMENTO – AMMORTIZZATORI – CONTRATTI – CODICE LAVORO SEMPLIFICATO – CENTRI PER L’IMPIEGO E POLITICHE ATTIVE – 5 DELEGHE SCHEDA + VOLANTINO Jobs Act – Versione Completa SINTESI DELLA POSIZIONE M5S CAMERA – SINTESI DEL PROVVEDIMENTO – COSA DICE LA STAMPA – ESAME DEL CONTENUTO DEGLI ARTICOLI – L’ART. 18 – COSA SUCCEDE NEGLI ALTRI STATI? – I NOSTRI EMENDAMENTI    Condividi:TweetE-mailPocketCondividi su...
USARE I 3 MLD PER PIANO NAZIONALE ASILI NIDO

USARE I 3 MLD PER PIANO NAZIONALE ASILI NIDO

NOTA STAMPA BONUS BEBE’, M5S: USARE I 3 MLD PER PIANO NAZIONALE ASILI NIDO ROMA, 18 novembre – “Piuttosto che assegnare il bonus bebè, una misura dal sapore elettorale e di corto respiro, proponiamo di attuare un sostegno strutturale dagli effetti positivi per famiglie e bambini in tempi medio-lunghi: nei prossimi 4 anni destiniamo gli oltre tre miliardi di euro previsti per il bonus bebè per la realizzazione di asili nido”. Lo affermano i deputati del Movimento 5 Stelle in commissione Affari Sociali commentando il contenuto dell’emendamento alla Stabilità a prima firma Silvia Giordano. “L’obiettivo è quello di colmare finalmente il gap storico di cui il nostro Paese soffre a causa dell’insufficienza di asili nido. In particolare, nel nostro emendamento specifichiamo che il piano di edilizia deve essere realizzato per fare in modo che gli asili nido siano presenti in maniera uniforme sul territorio nazionale. Il bonus bebè di Renzi invece è una misura spot che non risolve i problemi del nostro Paese in questo settore e che ha anche un’ulteriore difetto: l’assegno andrebbe a famiglie con reddito complessivo famigliare non superiore a 90 mila euro. Il nostro emendamento, invece, si rivolge indifferentemente a tutte le famiglie con bambini”. Condividi:TweetE-mailPocketCondividi su...