Nuovi Lea: il M5s presenta mozione per garantire risorse e ripristino prestazioni tagliate

Nuovi Lea: il M5s presenta mozione per garantire risorse e ripristino prestazioni tagliate

Proprio perché i nuovi Lea sono un provvedimento fondamentale il M5s chiede al governo non solo di garantire risorse e prestazioni ivi inserite – elemento attualmente tutt’altro che scontato – ma di ripristinare quelle immotivatamente eliminate.

Per ricevere risposte certe dall’esecutivo i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari Sociali hanno presentato una mozione, a prima firma Marialucia Lorefice, sui nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, quelle prestazioni che il Servizio Sanitario Nazionale deve garantire ai cittadini gratuitamente o tramite il pagamento del ticket.

I cittadini hanno dovuto attendere 16 anni per i nuovi Lea e quello che abbiamo oggi è un documento per molti aspetti poco chiaro. Soprattutto, i fondi attualmente stanziati non sono sufficienti per garantire la copertura. A ciò si aggiunge che, mentre venivano finalmente introdotte nuove e importanti prestazioni, altre ugualmente importanti venivano eliminate. Le motivazioni presentate dal ministero per giustificare la decisione poggiavano su discutibili motivazioni scientifiche rispetto alle quali non ci sono riscontri ufficiali. L’unica vera motivazione di questo taglio sembrerebbe essere quella economica. Per garantire davvero i Lea sarebbero necessari almeno il doppio rispetto agli 800 milioni previsti. Questa cifra poi rischia di essere ulteriormente ridotta a causa del recente taglio di 422 milioni al Fondo sanitario nazionale da parte dello Stato a seguito del mancato accordo con le Regioni autonome. La coperta a nostro avviso è troppo corta e a farne le spese saranno i cittadini.

La mozione M5s prevede sedici impegni, tra questi la necessità di rendere pubbliche e note le motivazioni scientifiche di ogni modifica e/o integrazione, la reintroduzione, in vista di un prossimo aggiornamento del Dpcm, di quei servizi e prestazioni la cui eliminazione appare del tutto ingiustificata e la garanzia di adeguate risorse necessarie a sostenere l’esigibilità dei nuovi LEA.