Norme antisimiche per le scuole di Catania: venga avviata una verifica generalizzata degli edifici

Norme antisimiche per le scuole di Catania: venga avviata una verifica generalizzata degli edifici

I drammatici eventi sismici degli ultimi  mesi  che hanno interessato il Centro Italia,  hanno evidenziato la mancanza dei requisiti antisismici per la maggior parte del patrimonio abitativo del Paese e in particolare per gli edifici scolastici.

La condizione riferita alle scuole catanesi descrive un quadro preoccupante. In particolare la gran parte degli edifici scolastici della città di Catania  e della città metropolitana, come il sito del Ministero dell’Istruzione  conferma ,non possiede tutte le certificazioni antisimiche.

A tal fine in una lettera a Enzo Bianco, sindaco della Città di Catania e della città metropolitana, parlamentari nazionali e siciliani del Movimento 5 Stelle,  prima firmataria la deputata Giulia Grillo, chiedono un’indagine statica degli edifici scolastici di Catania e della area metropolitana.

I parlamentari pentastellati reclamano la verifica delle norme antisismiche  delle scuole catanesi per garantire la sicurezza degli studenti, degli insegnanti, del personale scolastico delle scuole dell’area etnea.

 

Di seguito la lettera inviata a Enzo Bianco:

 

Da: Camera dei Deputati

Gruppo Parlamentare Movimento 5  Stelle

Lì 7 novembre 2016

 

Al  Sindaco del Comune di Catania

Al Sindaco della Città Metropolitana di Catania

 

Oggetto: Adeguamento alle norme anti sismiche degli edifici scolastici di Catania e della sua area metropolitana.

 

Gentili Sindaci,

I drammatici eventi sismici  degli ultimi  mesi, che hanno interessato il Centro Italia,  hanno evidenziato la mancanza dei requisiti antisismici per la maggior parte  del  patrimonio abitativo del Paese e in particolare per gli edifici scolastici.

Il nostro territorio, come saprete, ha un elevato rischio sismico. Infatti, dal sito dell’INVG (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), l’intera area della Sicilia orientale e limitatamente  a strutture come ospedali, scuole, ect., viene considerata zona sismica 1 (ad alto rischio).

A riguardo, invece, della situazione delle scuole, il sito del Ministero dell’Istruzione  riporta, nella sezione Anagrafe dell’edilizia scolastica, i dati di tutte le scuole italiane; di seguito il link: http://www.istruzione.it/edilizia_scolastica/anagrafe.shtml

La condizione  riferita alle scuole  catanesi  descrive un quadro preoccupante. In particolare gli edifici scolastici della città di Catania  e della città metropolitana di Catania risultano che:

  1. Sono in possesso del certificato di agibilità/abitabilità il 28,6% degli edifici, mentre circa il 70 % non ne possiede.
  2. Hanno il certificato di collaudo statico o non richiesto il 38,0% degli edifici  scolastici della provincia di Catania, mentre circa il 60% degli stabili non lo possiede (tra edifici edificati prima del 1970 ed edifici che non hanno in assoluto il certificato).
  3. L’età di costruzione degli edifici adibiti ad uso scolastico risulta essere per il 30% prima del 1970; il 9 % degli stessi costruiti dopo il 1976, mentre le informazioni sono assenti per il 61% degli edifici.
  4. Il documento della valutazione del rischi è in possesso per il 79,8% degli edifici, mentre il 20, 25% non  lo possiede.
  5. I piani di emergenza sono in dotazione per il 82,8% sul totale degli edifici, mentre 17, 2%  degli edifici non è dotato di nessun piano di emergenza.

 

In questi anni sono state emanate numerose leggi e norme per l’adeguamento antisismico degli edifici scolastici: 1) In particolare le norme del Dipartimento Nazionale  della Protezione Civile, introducono l’obbligo per gli enti proprietari di procedere alla verifica sismica degli edifici strategici e di quelli rilevanti per finalità di protezione civile. Tra questi ultimi rientrano anche le scuole. 2) Il Dipartimento della Protezione Civile stabilisce che il Programma per gli interventi di adeguamento sismico delle scuole preveda interventi che debbano   riguardare: a) l’adeguamento strutturale ed antisismico degli edifici scolastici pubblici, se risultano necessari da verifiche tecniche eseguite coerentemente alle norme;b) l’adeguamento strutturale ed antisismico degli edifici scolastici pubblici che, anche se non sono state eseguite le verifiche tecniche, si trovano in una reale situazione di grave e attuale rischio sismico; devono però essere disponibili studi o documenti che lo certificano.

 

 

3) La legge n. 225/1992, istituisce il Servizio nazionale della protezione civile e l’articolo 15 stabilisce che il sindaco sia l’autorità comunale di protezione civile; la legge regionale siciliana n. 14/1998 attua le norme statali in materia di protezione civile.

 

4) La legge 13 luglio 2015 n. 107  <Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti> all’articolo 1 commi 177 e 179 al fine di garantire la sicurezza degli edifici  scolastici  e di prevenire eventi di crollo dei relativi solai e controsoffitti  prevede finanziamenti per svolgere  indagini diagnostiche dei solai degli edifici scolastici,anche attraverso quote di cofinanziamento da parte degli enti  locali proprietari.

 

Nel comune di Catania hanno la loro sede molte scuole, di diverso ordine e grado;

di seguito il link (http://www.comune.catania.it/il-comune/uffici/istruzione/recapiti-telefonici-scuole-comunali/)

Nella città metropolitana di Catania  hanno sede scuole di diverso ordine e grado; di seguito il link. (http://www.cittametropolitana.ct.it/la_provincia/scuole.aspx).

 

 

Per quanto premesso,

valutato il rischio sismico generale che interessa il comune di Catania e l’area della città metropolitana, appare doveroso una più ampia informazione ai cittadini riguardo la sicurezza degli edifici scolastici di ogni ordine e grado.

A tal fine, in qualità di parlamentari della Repubblica Italiana, chiediamo al sindaco del comune di Catania e al sindaco della città metropolitana di Catania  se intendono  far eseguire adeguati controlli sulla tenuta statica degli edifici scolastici, disponendo un’indagine diagnostica da parte dei tecnici della Direzione dei Lavori pubblici del Comune Catania e dell’Ufficio Edilizia Scolastica dell’area Metropolitana di Catania.

 

Certi un sollecita risposta, porgiamo cordiali saluti.

 

On. Giulia Grillo

Sen. Nunzia Catalfo

Sen. Ornella Bertorotta

Sen. Mario Michele Giarrusso

On. Gianina Ciancio

On. Angela Foti