Ddl Sanità: M5s, scandaloso che i revisori dei conti siano sanitari

Ddl Sanità: M5s, scandaloso che i revisori dei conti siano sanitari

“Con una scelta scandalosa e puramente corporativista la maggioranza ha deciso che i revisori dei conti continueranno, per la maggior parte, a essere scelti tra i sanitari appartenenti agli ordini. L’Aula ha ribaltato la misura che il MoVimento era riuscita a far introdurre in commissione Affari Sociali e che aveva un solo scopo: inserire una regola di legalita‘. Avevamo infatti previsto che tutti i revisori venissero sorteggiati all’interno dell’albo dei revisori legali”.

Cosi’ i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari Sociali e il collega pentastellato Massimo Baroni.

Il nostro emendamento ricalcava quanto previsto per legge (D.L 138 del 2011 Art 16) relativamente ai revisori dei conti nei comuni presso i quali, appunto, questi vengono estratti a sorte. In Aula la modifica che avevamo fatto apportare in commissione e’ stata totalmente depotenziata e l’unico revisore legale esterno che e’ stato lasciato non sara’ estratto a sorte ma sara’ scelto direttamente all’interno degli ordini sanitari, presumibilmente su base ‘amicale’, con buona pace del principio di imparzialita’. In tutta la Pubblica Ammnistrazione infatti i revisori legali devono avere possesso di tale specifico titolo ma oggi la Camera ha introdotto l’eccezione alla regola“, concludono.