Sanità: abolizione del supeticket doverosa, ma va fatta senza nuovi tagli

L’abolizione del superticket è un atto doveroso: questa tassa iniqua ha aumentato i costi delle prestazioni sanitarie e alimentato le disuguaglianze. In queste ore molti politici si dicono d’accordo sulla sua abolizione ma nelle loro affermazioni è assente un punto essenziale: dove trovare le risorse per realizzare l’operazione

Difesa, M5S: “Sì all’utilizzo dei droni per la protezione del patrimonio ambientale”

“E’ stata accolta la nostra proposta in commissione Difesa con la quale si impegna il governo nell’azione di ricerca e sviluppo per l’utilizzo di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto in aree a rischio incendi”: lo annuncia il deputato del MoVimento 5 Stelle Gianluca Rizzo della Comissione Difesa, proponente della risoluzione appena votata ed approvata

Ema: conflitto interessi ex Ad Aifa ostacolerà candidatura italiana?

La questione sollevata in occasione della mozione sulla candidatura di Milano per ospitare l’Agenzia del farmaco europea. Sul caso presentata un’interpellanza. Voto positivo del M5s sull’Ema a Milano con una mozione che non si è limitata alla retorica ma che contiene impegni stringenti su trasparenza, uso fondi e conflitti di interesse.

Coop e patrimoni gonfiati: rivedere il ‘prestito sociale’

C’è un evidente problema di trasparenza dei bilanci, di sovradimensionamento artificioso dei patrimoni e di sostenibilità del cosiddetto ‘prestito sociale’ erogato dai cittadini e raccolto da molte cooperative. Prestito che in regioni come Emilia o Friuli non è tornato completamente ai risparmiatori. Il governo non ha risposto al MoVimento 5 Stelle sui casi che abbiamo preso in esame, ma ha solo ragionato sulle innovazioni normative di cui c’è bisogno, a dimostrazione che il nostro lavoro ha evidenziato criticità irrisolte nel sistema.

Femminicidio Manduca in aula, Spadoni (M5S): “Risarcimento agli orfani, una vittoria. Ma non basta”

Ennesimo femminicidio, ennesima sottovalutazione della violenza domestica sulle donne. Il 3 ottobre 2007 Marianna viene uccisa dal marito con sei coltellate al petto, dopo un lungo calvario di soprusi e violenze. Le continue minacce di morte avevano spinto la donna a sporgere ben 12 denunce contro l’uomo. Dopo averlo lasciato, questo diventa anche affidatario dei figli, motivo per cui la donna intenta una causa, ma a pochi giorni dall’udienza viene uccisa

Big Pharma investe milioni per i medici-testimonial

Si chiamano “trasferimenti di valore” i milioni di euro che le case farmaceutiche investono per pagare rimborsi di viaggi, convegni e iniziative a medici, strutture sanitarie e associazioni. Sono pagamenti alla luce del sole, formalmente nulla di illecito. Ora questi dati sono stati resi pubblici con il Disclosure code presentato da Farmaindustria. Si tratta del codice della trasparenza sottoscritto dalle imprese e dalle associazioni nazionali del farmaco di 33 paesi europei aderenti a Efpia (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations).

Secondo Farmindustria la percentuale di medici che non ha acconsentito alla pubblicazione della propria identità di aggira intorno al 30%.

Nascondere i finanziamenti, però, non è poi così difficile. Basti pensare che le trasferte possono essere pagate tramite agenzie di viaggio. E i potenziali conflitti di interesse sono notevoli.

La pietra tombale del Pd sulla sanità pubblica

La spesa pubblica in sanità (in rapporto al PIL) non solo non cresce, ma è prevista una flessione (da 6,4% a 6,3% nel 2020). La diminuzione della spesa è contenuta nella nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (DEF) in cui il governo rivede le sue previsioni sull’andamento dell’economia e su cosa intende fare negli anni successivi. A scanso di equivoci, sull’operato di questo governo, ricordiamo i tagli per i prossimi anni: 998 milioni per il 2018 e 2.988 a decorrere dall’anno 2019. Semmai ce ne fosse stato bisogno ecco a voi la pietra tombale del PD sulla sanità...

Vaccini: M5S, inviata al garante delle privacy la richiesta di parere sul decreto

ttraverso il presidente del gruppo dei deputati, Andrea Colletti, il MoVimento 5 stelle ha inviato al garante della Privacy una richiesta di parere sulla legge in tema di vaccinazioni obbligatorie, che non contempla le dovute garanzie nel trattamento dei dati sullo stato di salute dei minori. Perciò il garante deve intervenire

Ambiente, M5s: “Sistema agenzie bloccato per mancanza decreti attuativi”

La legge istitutiva del Sistema nazionale a rete per la protezione dell’Ambiente è entrata in vigore lo scorso gennaio. Ma per adesso è solo un bel foglio di carta. Il sistema non funziona perché colpevolmente ancora devono ancora essere emanati i decreti attuativi»: è la denuncia della senatrice del Movimento 5 Stelle Paola Nugnes, componente della Commissione Ambiente e della Commissione bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti, raccogliendo quanto emerso nel corso del convegno RemTech, a Ferrara, l’evento italiano più specializzato sulle bonifiche dei siti contaminati, la protezione e la riqualificazione del territorio.

Vaccini: sul trattamento dei dati è necessario il parere del garante privacy

La legge sull’obbligo dei vaccini e le circolari operative dispongono il trasferimento e trattamento di dati sensibili, idonei a rivelare lo stato di salute di minori e adulti. A quanto ci risulta ciò è avvenuto senza che sia stato contemplato alcun intervento del Garante della privacy né fatti specifici riferimenti al Codice della privacy. Eppure il Codice stesso prevede che ciascun ministro consulti il Garante all’atto della predisposizione delle norme regolamentari e degli atti amministrativi suscettibili di incidere sulla privacy

Violenza sulle donne: Italia sul baratro, il Paese si deve mobilitare

La terribile violenza avvenuta alla guardia medica di Trecastagni ci lascia sgomenti. Il pensiero va alla donna vittima di una brutalità raggelante alla quale esprimiamo totale, umana, vicinanza. La violenza sulle donne ha da troppo tempo raggiunto il livello di allarme sociale: è necessaria una reale, permanente, mobilitazione da parte di tutte le componenti della società. Oltre alla fase repressiva, è indispensabile intervenire sul piano educativo e culturale, a tutti i livelli della società, per diffondere un rispetto della persona e della cultura di genere che oggi in Italia troppo spesso è assente

La specializzazione medica deve essere accessibile a tutti i laureati

Il MoVimento 5 Stelle vuole che i medici neolaureati possano accedere alle strutture sanitarie al fine di conseguire le abilità teoriche e tecnico-pratiche necessarie allo svolgimento della specializzazione medica prescelta, con la possibilità di continuare a svolgere la propria attività si medico specialista anche nella medesima struttura in cui si è formato.

Sicilia in fiamme: chiare le responsabilità di Crocetta

L’isola va in fumo. E dall’audizione del presidente Rosario Crocetta in Commissione Ambiente del Senato è emerso chiaramente che la Regione siciliana non ha ottemperato a nulla di quanto previsto dalla normativa vigente. Il piano regionale di programmazione e prevenzione sugli incendi boschivi, che dovrebbe essere redatto annualmente allo scopo di coordinare uomini e mezzi, risulta essere fermo al 2015, e prima di fine anno non verrà approvato, per stessa ammissione da parte del dirigente regionale responsabile dell’Antincendio Boschivo del Comando del Corpo forestale siciliano. Quindi, probabilmente, da 2 anni la Regione non fa adeguata prevenzione.

Salute: tutelare i presidi sanitari nelle zone disagiate

Vogliamo che venga garantito il diritto alla salute, anche e soprattutto nelle zone particolarmente disagiate. I presidi ospedalieri di base situati in aree periferiche, zone montane e isole, devono poter continuare a svolgere la loro funzione: non accettiamo i tagli che mettono in dubbio il diritto alla salute in nome dell’efficientamento

Foia, Businarolo (M5S): un fallimento perché non si vuole vera trasparenza

Tra gli obiettivi principali del Movimento 5 Stelle c’e’ la trasparenza delle amministrazioni pubbliche verso i cittadini. Su questo punto esiste uno strumento importante: il Foia. Varato lo scorso anno dal Ministro Madia, nell’ambito della riforma della Pubblica Amministrazione che, ad un anno dalla sua introduzione, non ha avuto un’adeguata applicazione

Vitalizi: M5s, il Pd vota per tenersi il privilegio

Il Pd ha votato per tenersi il privilegio e ha bocciato la nostra proposta di applicare la legge Fornero ai parlamentari gia’ dalla legislatura vigente. Mentre noi ci tagliamo lo stipendio e abbiamo rinunciato a 42 milioni di euro di rimborsi elettorali, loro decidono di tenersi stretto il trattamento privilegiato alla faccia di tutti i cittadini a cui la legge Fornero e’ stato applicata dall’oggi al domani

Fondi Ue: D’Amato (M5S): “L’Italia ha perso 172 milioni di euro”

L’Italia ha perso 172 milioni di fondi europei relativi alla programmazione 2007-2013. Si tratta di risorse sottratte allo sviluppo sostenibile, alla prevenzione antisismica, alla lotta al dissesto idrogeologico. Uno schiaffo ai cittadini frutto dell’incapacità amministrativa del Pd, della sua classe dirigente locale e dei governi Renzi-Gentiloni

Farmaci: fallimento della riforma voluta dalla Lorenzin

Gli elementi di regolazione della spesa farmaceutica, in merito alla modifica del sistema dei tetti di spesa e dei rimborsi, voluti dal ministro Beatrice Lorenzin nell’ultima legge di bilancio, si sono dimostrati un autentico fallimento. È questo il dato che emerge dai dati pubblicati dall’Agenzia italiana del farmaco – periodo gennaio/marzo 2017 – che evidenziano un buco per la spesa degli acquisti diretti (ex ospedaliera) di oltre 554 milioni di euro.

Sequestro impianti petrolchimico di Siracusa, M5S: “Risultato storico, tassare chi inquina”

“È arrivato il momento che la Sicilia si doti di una legge innovativa che tassi chi inquina a favore delle energie rinnovabili”.
Lo dice Giancarlo Cancelleri, candidato alla Presidenza della Regione per il Movimento 5 Stelle, dopo il sequestro disposto dal gip di Siracusa, su richiesta della Procura, di alcuni impianti del polo petrolchimico siracusano.

Sulle nomine politiche in sanità dal Ministero della Salute impegni vuoti e ipocriti

Rispetto alle problematiche della sanità nell’ex provincia di Ragusa, frutto di scelte molto discutibili che hanno mandato in tilt il sistema ibleo, il titolare della Salute non ha sostanzialmente nulla da dichiarare. Nella risposta all’interpellanza urgente discussa oggi alla Camera (prima firma Marialucia Lorefice), il ministro Lorenzin fa sapere di essere informata dei fatti ed è in contatto con la Regione siciliana ma, in pratica, resta a guardare lo scempio avvenuto mentre invece sarebbe stato opportuno intervenire, ed energicamente.

Migranti, Dieni (M5S): Minniti conferma patto scellerato del governo Renzi

l ministro dell’Interno ha ammesso quanto Renzi ha negato: gli accordi sottoscritti in sede europea, da Triton a Sophia, affidano all’Italia l’onere esclusivo di accogliere i migranti in fuga dalla fame e dalla guerra. Il nostro Paese, e la Calabria in particolare, si stanno trasformando in un gigantesco campo profughi, e ora i cittadini sanno chi devono ringraziare

Preoccupanti i dati Istat sul diabete in Sicilia. Urgente la piena applicazione del Piano Nazionale Cronicità

In Sicilia, e nel mezzogiorno in generale, ci si ammala molto di più di diabete che nel resto d’Italia. Dai dati del rapporto nazionale diffusi dall’Istat emerge chiaramente come il diabete sia fortemente associato allo svantaggio socioeconomico, dato confermato anche nel tasso di mortalità

Rizzo e Grillo (M5S): “La Commissione Uranio Impoverito ha fatto un buon lavoro. Ai militari è negato il diritto alla salute”

I lavori di questa commissione si stanno svolgendo nella giusta direzione, 197 audizioni dimostrano che c’è la volontà di approfondire le varie questioni che si sono presentate e l’aver approvato il testo della relazione presentata oggi è il giusto riconoscimento per il lavoro svolto collegialmente. Ma ancora non basta, e lo dimostrano le centinaia di casi di soldati ammalati segnalati e le troppe storie di famiglie sole nella lotta per avere giustizia

Ospedale San Marco di Catania, la perenne inaugurazione e le “amnesie” di Governo e Regione

A circa 30 anni, ripeto trent’anni, dalla presentazione del progetto che prevedeva la realizzazione dell’ospedale San Marco sembra essere arrivato il momento dell’inaugurazione. Forse è il caso di ricordare che inaugurazione non significa apertura. Per quella, infatti, servono attrezzature, strumentazioni e soprattutto personale e nessuna di tutte queste risorse sembrerebbe nell’effettiva disponibilità dell’assessorato alla sanità siciliana.

Vaccini: M5S, confidiamo in ok a emendamento su formula monocomponente

Nel corso dell’esame in Aula del decreto Vaccini, si è deciso di accantonare il nostro emendamento che propone la formulazione monocomponente per i Vaccini obbligatori, cioè la possibilità di superare la formula tetravalente ed esavalente e dare la possibilità di vaccinarsi per singole patologie, evitando quelle per cui si è già immuni.

Vaccini, per Pd e Forza Italia la salute è una merce di scambio

Ciò che sta avvenendo in Senato sul decreto VACCINI è gravissimo e gli italiani devono saperlo: Pd e Forza Italia hanno stretto un accordo barattando l’ok al decreto con la norma sulle vaccinazioni nelle farmacie, norma che sta molto a cuore ai forzisti visto che il gruppo di Forza Italia al Senato ha al proprio interno niente meno che il Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani.

Il trionfo della “spartitocrazia”: De Luca si prende la sanità campana

Ci hanno ignobilmente girato intorno per mesi, ma alla fine governo e partiti – Pd in testa – hanno gettato la maschera e stretto il patto di potere funzionale a mettere le mani sulla torta della sanità campana: De Luca è stato nominato commissario regionale alla salute. Una designazione, quella compiuta da Gentiloni e Lorenzin, talmente indicibile che la notizia inizialmente è trapelata solo attraverso spifferi.

Incendi in Sicilia: mezzi di soccorso e uomini sono sufficienti?

Abbiamo depositato un’interrogazione per chiedere alla presidenza del Consiglio spiegazioni e chiarimenti su quello che intende fare per supportare la ripresa delle attività produttive danneggiate e supportare i Comuni rimasti orfani temporaneamente degli impianti di recupero dei rifiuti e che saranno costretti a conferire in altri siti siciliani.

La grave minaccia per la salute sulla quale il governo tace e resta immobile

In sostanza, per il contrasto all’antibiotico-resistenza non si sta facendo nulla e il Piano nazionale di contrasto alla resistenza anti-microbica, che doveva già essere pronto, non ha ancora visto la luce. Il Ministro della Salute e tutto il governo si stanno assumendo la gravissima responsabilità di sottovalutare un’emergenza reale, che già adesso in Italia miete 6-7 mila vittime all’anno

Sperimentazione clinica dei farmaci: più trasparenza e indipendenza grazie al MoVimento 5 Stelle

L’approvazione in commissione di tre nostri emendamenti alla Proposta di legge Lorenzin rappresenta un rimarchevole passo in avanti verso la trasparenza nelle sperimentazioni cliniche dei farmaci e per contrastare l’insorgere di conflitti di interesse, salvaguardando l’indipendenza degli organismi preposti a valutazione e validazione

Salute: la Camera istituisce la rete registro tumori, passo in avanti verso prevenzione

Il via libera dato dalla Camera è il frutto di un lungo e proficuo lavoro svolto in commissione Affari Sociali, che va a colmare un vuoto che caratterizzava il nostro SSN, che migliora la qualità dei dati oncologici raccolti e consente di realizzare una fotografia, aggiornata annualmente, dello stato di salute dei territori.

Farmaci: il MoVimento porta più trasparenza e indipendenza nella sperimentazione clinica

L’approvazione in commissione di tre nostri emendamenti alla Proposta di legge Lorenzin rappresenta un rimarchevole passo in avanti verso la trasparenza nelle sperimentazioni cliniche dei farmaci e per contrastare l’insorgere di conflitti di interesse, salvaguardando l’indipendenza degli organismi preposti a valutazione e validazione

Ddl Lorenzin, percorso di studi lacunoso per le professioni di osteopata e chiropratico

Alcuni passaggi del disegno predisposto dal ministro della Salute però non sono chiari e convincenti e scontentano in primis proprio osteopati e chiropratici i quali, al percorso formativo triennale avrebbero preferito quello di durata quinquennale (così come previsto in molti paesi esteri). Inoltre i criteri fissati per i nuovi corsi di studio sono troppo indefiniti e il rischio è che, in seconda battuta, si renderanno necessari ulteriori chiarimenti e specifiche.

Piano di riequilibrio di Catania: il ministro Minniti chiarisca i tempi di presentazione e la validità delle misure adottate dalla Giunta Bianco

Abbiamo chiesto, con un‘interrogazione parlamentare, prima firmataria, la deputata Giulia Grillo, al ministro degli interni Marco Minniti, di esprimersi in merito alla violazione dei termini di presentazione del piano di riequilibrio finanziario pluriennale, del Comune di Catania. Il piano, secondo quanto prevede la normativa, doveva essere presentato il 31 maggio 2017, invece così non è stato e la presentazione è slittata al 2 giugno 2017

La politica ha deciso: la sanità pubblica deve morire

I numeri sono inappellabili. La spesa sanitaria (privata) degli italiani è salita a 35,2 miliardi di euro, con un balzo in avanti del 4,2% nel triennio 2013-2016. Ma il dato più impressionante è quello dei cittadini che nell’ultimo anno hanno rinunciato o rinviato prestazioni sanitarie. Si tratta di 12, 2 milioni: 1,2 milioni in più rispetto all’anno precedente.

Il Programma Salute del MoVimento 5 Stelle

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività. Così inizia l’articolo 32 della nostra costituzione. Noi siamo convinti, e tutti gli indicatori di salute ci danno ragione, che un servizio sanitario pubblico sia lo strumento più efficiente per tutelare quello che, appunto, è un diritto, la salute, non un bene di consumo. Il cittadino non è un cliente né un consumatore, ma è un paziente quando si rivolge alla sanità.

Vergognoso il piano di rientro “bis” del Comune di Catania. Bianco inadeguato

Un piano di rientro latitante da parecchi mesi ed ecco arrivare il piano bis che costringerà i catanesi a pagare per almeno 30 anni. Apprendiamo da fonti di stampa del nuovo documento approvato dalla premiata ditta ‘Bianco&Co.’ che pur di avere margini di liquidità prevede una dilazione dei debiti nell’arco di 30 anni.

Cyberbullismo: finalmente è legge ma servono più risorse

Dedichiamo questa legge a tutti i bambini e ragazzi vittime di atti di cyberbullismo e ai loro familiari. Le risorse stanziate però ammontano a soli 200 mila euro: un investimento davvero troppo eseguo. Considerando che i plessi scolastici in Italia sono 40 mila, significa che a ciascuno di questi andrebbero mediamente 5 euro.

Farmaci e corruzione: la rete di Fanelli arrivava fino ai ministri, serve un chiarimento

I ministri Lorenzin, Galletti e Poletti hanno qualcosa da dichiarare rispetto alle entrature di Guido Fanelli nei loro dicasteri e ai suoi tentativi di ottenere favori? L’inchiesta dei Nas di Parma su farmaci e corruzione si arricchisce di particolari diffusi dalla stampa che, se confermati, oltre a essere raccapriccianti dal momento che i pazienti sarebbero stati trattati come cavie da mungere per fare soldi, necessiterebbero di chiarimenti inequivocabili, nelle sede istituzionali, da parte di esponenti del governo. Ci domandiamo come sia possibile che la rete tentacolare di Fanelli gli abbia consentito di giungere fino ai vertici di alcuni ministeri

Farmaci e corruzione: sul caso Parma il ministro Lorenzin non può restare immobile

L’inchiesta del Nas per i presunti reati di corruzione e riciclaggio nel settore della sperimentazione farmaceutica è davvero inquietante e richiede la massima trasparenza e solerzia, anche da parte delle istituzioni. Per questa ragione presenteremo un’interrogazione rivolta al ministro Lorenzin per chiederle tutti i chiarimenti necessari circa i controlli effettuati relativamente ai casi di sperimentazione farmaceutica al vaglio della Procura, al fine di comprendere se nel sistema si siano verificate “falle””

Troppa violenza nei nostri ospedali, lo Stato è assente

Dopo l’ennesimo atto di aggressione al personale medico, avvenuto qualche giorno fa, vittime una dottoressa ed un’infermiera dell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania, il Movimento 5 Stelle prende ancora una posizione netta sugli intollerabili episodi di violenza che si susseguono da anni, con una frequenza impressionante.

Approvata la mia mozione sulle liste d’attesa e intramoenia. Ora governo rispetti gli impegni

Nel nostro Paese le aziende sanitarie devono consentire l’utilizzo delle apparecchiature e l’accesso alle strutture anche nelle ore serali e nei giorni feriali, i direttori generali che non facciano rispettare la normativa sulla libera professione vanno realmente sanzionati e il servizio di prenotazione per avere accesso alle prestazioni sanitarie deve avvenire esclusivamente mediante l’infrastruttura in rete. Su questi punti, attraverso l’approvazione della nostra mozione, oggi l’Italia ha fatto un primo passo in avanti. Agli impegni presi oggi dal governo però devono seguire misure e interventi legislativi che traducano i propositi in azioni. Le liste d’attesa dilatate all’infinito sono inaccettabili e mettono seriamente in discussione il diritto alla salute. A sua volta, il sistema dell’intramoenia deve essere sottoposto a maggiori controlli, anche al fine di limitare i possibili fenomeni corruttivi, i quali rischiano di incentivare ulteriormente la migrazione dei cittadini verso la sanità privata. Tra gli altri impegni assunti dal governo segnaliamo quello relativo al Cup (Centro unico di prenotazione) che deve essere realizzato integralmente, mentre oggi è attuato a “macchia di leopardo”. Fondamentale è poi garantire l’operatività del Cup web. Relativamente alla libera professione, l’esecutivo conferma la nostra impostazione: le aziende devono inderogabilmente fissare annualmente i volumi delle prestazioni e monitorare che tali volumi non superino quelli istituzionali. Sempre le strutture aziendali sanitarie devono farsi carico di gestire l’agenda delle prenotazioni, che non può essere affidata al professionista il quale, al massimo, potrebbe co-gestire tale attività. Tra gli altri punti della mozione approvati: la tracciabilità della fatturazione della libera professione, la contabilità separata e la messa in rete di tutte le strutture esterne presso le quali viene effettuata l’intramoenia...

Viaggio nella Sicilia militarizzata tra abusi e forzature

Abbiamo fortemente voluto un impegno da parte delle autorità competenti per una seria sorveglianza dentro e fuori le basi di Sigonella e Niscemi, abbiamo chiesto un impegno ad ARPA affinché si faccia titolare di studi innovativi sugli effetti inquinanti da elettromagnetismo. Perché ciò che avviene a Niscemi, forse non succede in altre parti del mondo!

Nuovi Lea: il M5s presenta mozione per garantire risorse e ripristino prestazioni tagliate

La mozione M5s prevede sedici impegni, tra questi la necessità di rendere pubbliche e note le motivazioni scientifiche di ogni modifica e/o integrazione, la reintroduzione, in vista di un prossimo aggiornamento del Dpcm, di quei servizi e prestazioni la cui eliminazione appare del tutto ingiustificata e la garanzia di adeguate risorse necessarie a sostenere l’esigibilità dei nuovi LEA.

Presentazione libro Cavicchi e dibattito aperto sulla Sanità in Italia

Mercoledì 22 febbraio alle ore 18,30 a Roma si terrà la presentazione del libro “La Quarta Riforma” del professor Ivan Cavicchi. L’incontro sarà l’occasione per dibattere sui problemi della sanità in Italia e sui modi per renderla “sostenibile” e salvarla dalla decadenza e dalla privatizzazione. L’appuntamento si terrà presso la Sala Tatarella (Palazzo dei Gruppi) in via Uffici del Vicario 21, Roma. Per partecipare occorre prenotarsi via email all’indirizzo: dibattitolaquartariforma@gmail.com...

Epatite C: su “prezzo medio” dell’accordo Aifa-Gilead fare chiarezza

L’Aifa ha adottato un accordo confidenziale con la ditta Gilead a “prezzo medio” superiore a quello dell’ultimo scaglione del precedente contratto? Una domanda che segue a quanto abbiamo potuto dedurre dalla risposta del ministero della Salute all’interrogazione a mia firma. L’unico modo per ricevere un chiarimento sarebbe dimostrare il contrario, carte alla mano. Peccato che, in nome di un unilaterale, presunto, interesse della collettività, gli accordi tra Aifa e case farmaceutiche siano secretati.

Convegno M5S: “Ripensare la sanità pubblica per salvarla dalla decadenza”

Mercoledì 22 febbraio alle ore 18,30 a Roma si terrà la presentazione del libro “La Quarta Riforma” del professor Ivan Cavicchi. L’incontro sarà l’occasione per dibattere sui problemi della sanità in Italia e sui modi per renderla “sostenibile” e salvarla dalla decadenza e dalla privatizzazione.
L’appuntamento si terrà presso la Sala Tatarella (Palazzo dei Gruppi) in via Uffici del Vicario 21, Roma.
Per partecipare occorre prenotarsi via email all’indirizzo: dibattitolaquartariforma@gmail.com

Processo Mose: nessun colpevole grazie al PD

La più grande opera pubblica dal valore di oltre cinque miliardi, ha generato tangenti per oltre un miliardo di euro, un giro di corruzione che ha coinvolto tutti i livelli politici: dal comune, passando per la regione, fino al Parlamento ed anche ex ministri. A settembre 2017 tutti potranno tornarsene a casa, grazie alla prescrizione

Testamento Biologico: arrivano emendamenti in odor di inciucio, non ci stiamo

Ci riferiamo in particolare ad alcuni emendamenti a prima firma Roccella, Gigli e altri che puntano su un aspetto: “la presente legge, nel rispetto dei diritti (…) Tutela la vita e la salute del cittadino e stabilisce che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se provo del consenso libero e informato della persona interessata

Sanità al collasso: dal 2009 ci sono 40 mila lavoratori in meno

I numeri sono da bollettino di guerra: in 7 anni il comparto salute ha perso 8 mila medici, oltre 10 mila infermieri e 2.200 operatori di assistenza e circa 20.000 lavoratori tecnici, riabilitativi, della prevenzione e amministrativi. Non bastasse, con il blocco del turnover sta aumentando rapidamente l’età media degli operatori

Salute: perché i nuovi Lea non sono ancora in Gazzetta Ufficiale?

Ad però non si ha notizia dell’avvenuta pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto sui nuovi Livelli Essenziali di Assistenza. Tra l’altro il DPCM, alla luce dei pareri espressi da Camera e Senato, avrebbe dovuto essere nuovamente esaminato dal Consiglio dei ministri e ricevere anche il visto della Corte dei Conti, passaggi questi che non sono al momento conosciuti agli interroganti. Chiediamo dunque che su questo aspetto venga fatta chiarezza

Il blog di Giulia Grillo M5S – Capogruppo XII Commissione del Movimento 5 Stelle Sanità e Affari Sociali
Tutti gli articoli, i post, i comunicati stampa e di documenti

Il Blog di una Cittadina 5 Stelle eletta in Parlamento alla Camera dei Deputati